Premio A.P.R.E. Italia Bonavita

Il 19 settembre 2013 è stato indetto un premio in onore di Italia Bonavita, “maestra di vita”, ispiratrice, Socia Fondatrice e prima Tesoriera dell’APRE. L’A.P.R.E. conferirà al miglior lavoro scientifico (che sia articolo, saggio, tesi di laurea triennale, specialistica, di dottorato di ricerca, o di specializzazione in psicoterapia) sul tema dell’anno in corso, che viene preannunciato al congresso dell’anno precedente (il quale, di norma, si svolge tra ottobre e dicembre).Italia Bonavita

A Italia (e a Felice, altro sapiente ed umile educatore) sono stati intitolati anche i Centri “Italia Felice” per l’Orientamento dei Giovani e la Formazione permanente degli educatori (genitori, insegnanti, assistenti sociali, medici di base) dell’APRE, con diverse sedi sul territorio nazionale. Dal lavoro dei Centri è nato il progetto che sogniamo di attuare se riusciremo a trovare risorse economiche e luoghi fisici (per cui chiediamo aiuto e suggerimenti): Villaggio KOINONIA per una nuova polis

La I edizione e quindi la relativa premiazione avrà luogo il 19 settembre 2014;  Al convegno 2013 “Psicoanalisi, Gruppi ed Economia. Ripartiamo dal capitale sociale”, svoltosi, con grande successo, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, alla Protomoteca del Campidoglio il 15 novembre, è stato annunciato che il tema di cui dovrà trattare il prossimo convegno e quindi i lavori presentati dai partecipanti al premio èLo s-fruttamento della madre Terra: tra ecocidio e gratitudine (il convegno relativo si svolgerà in data da precisare nel 2014, con sede prevista: Camera dei Deputati).

Occorrerà inviare il lavoro entro la fine di agosto del 2014 all’email: fp.apre@gmail.com

Oltre al riconoscimento, il Consiglio Direttivo dell’APRE stabilirà cosa verrà dato, di anno in anno, anche a seconda della persona del vincitore.

Gli altri lavori, se giudicati meritevoli, potranno esser pubblicati sulla nostra rivista scientifica accreditata e/o su eventuali volumi collettanei (valevole pertanto come pubblicazione a livello curriculare e concorsuale).

Italia è stata e continua ad essere, in altra forma, una straordinaria “Educatrice”. Noi dell’APRE crediamo in tre principi fondamentali che la nostra Tesoriera ha incarnato nella sua vita:

1) che il cuore comprende oggi quel che la testa comprenderà solo un domani (Seneca) quando forse potrebbe esser troppo tardi   e che quindi occorre apprendere a “sentire” attraverso l’intelligenza emotiva, per “vedere”, con occhi nuovi, da un altro luogo e così pensare diversamente;

2) che per muovere il mondo occorre prima muovere se stessi (Socrate) a partire anche dal punto di vista dell’altro che è termine e fonte del nostro essere relazione;

3)  che noi abbiamo il compito di divenire il cambiamento che sogniamo per il mondo (Ghandi) animati da Speranza, la quale ha due bellissimi figlio: Sdegno [per le cose che accadono] e Coraggio [per cambiarle].

E allora ci sia concesso, a nome di tutti i soci fondatori e di quanti l’hanno conosciuta come “donna del sorriso” di dedicarle i versi di P. Neruda:

Dura è la lotta e torno con gli occhi stanchi, a volte, d’aver visto la terra che non cambia, ma entrando il tuo sorriso sale al cielo cercandomi ed apre per me tutte le porte della vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.